Intelligenza artificiale per una stazione di pompaggio in Michigan

Recentemente, per rinnovare una stazione di pompaggio, un’azienda di servizi che si occupa dello smaltimento di acque bianche e acque reflue in Michigan (USA) ha scelto il sistema di pompaggio intelligente Flygt Concertor di Xylem. Il sistema, che adatta le proprie prestazioni in tempo reale alle condizioni operative, ha eliminato completamente le chiamate urgenti per la manutenzione e ridotto il numero di pompe di ricambio necessarie a magazzino.

Il Genesee County Drain Commissioner, Division of Water & Waste Services (GCDC-WWS), è responsabile della costruzione e della manutenzione sia degli impianti fognari che di quelli di distribuzione dell’acqua della contea e attualmente gestisce tre depuratori: Anthony Ragnone Treatment Plant (ARTP), Sanitary Disposal District #3 Treatment Plant e Sanitary Disposal District #7 Lagoons.

La sostituzione delle pompe sommergibili con nuove tecnologie

Nel 2007, il GCDC-WWS ha completato la costruzione del relativo Northeast Extension Sewer Project, che provvede a ripartire e deviare parte dell’affluente, quindi ha avviato il rinnovo di 10 delle proprie stazioni di pompaggio principali della rete fognaria. Per la stazione di pompaggio numero 8, che serve le cittadine di Genesee e Richfield, è stata valutata sia la revisione delle pompe esistenti che la sostituzione con nuove unità.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

La stazione di pompaggio numero 8 prevedeva due pompe con pozzo a secco in orizzontale e due pompe sommergibili installate nel 1988, ma l’Operations and Maintenance Department del GCDC-WWS aveva già provveduto a revisionare le pompe nel corso degli anni e la rimozione mediante inversione del funzionamento di materiali e residui fibrosi che ostruiscono le pompe faceva già parte delle procedure operative standard previste per la manutenzione delle stazioni di pompaggio. Tuttavia, quando è giunto nuovamente il momento di revisionare le pompe, il GCDC-WWS ha deciso di valutare anche altre opzioni. Inoltre, le nuove pompe dovevano soddisfare i requisiti previsti in termini di prevalenza e portata effettiva.

La semplice revisione delle pompe non avrebbe consentito di ripristinarne la prevalenza e la portata originali, per non parlare di altri aspetti importanti come le riparazioni frequenti, i problemi continui di intasamento, la disponibilità dei ricambi e la manutenzione frequente, in particolare delle pompe più vecchie.

La scelta di un sistema di pompaggio per acque reflue intelligente

Il GCDC-WWS non era più intenzionato a sprecare inutilmente il proprio denaro con tecnologie obsolete e di conseguenza si è rivolto al proprio distributore Xylem e fornitore fidato Kennedy Industries alla ricerca delle risposte e di una soluzione definitiva. La stazione di pompaggio numero 8 rappresentava sia il luogo che il momento ideale per introdurre il nuovo Flygt Concertor di Xylem, un sistema di pompaggio per acque reflue intelligente in grado di rilevare le condizioni operative e ambientali prevalenti, adattare le prestazioni in tempo reale e fornire anche indicazioni utili agli operatori delle stazioni di pompaggio.

I motivi che hanno portato alla scelta della tecnologia di Flygt Concertor sono numerosi:

  • L’intercambiabilità tra le diverse stazioni di pompaggio, che riduce al minimo il numero di pompe di ricambio necessarie a magazzino. Inoltre, in caso di emergenza, è possibile trasferire le pompe da una stazione di pompaggio meno prioritaria a quella sovraccarica reimpostando semplicemente i parametri di pompaggio.
  • La tecnologia di Xylem con regolazione di velocità integrata elimina l’esigenza di acquisto di azionamenti a frequenza variabile, e oltre a costituire un ottimo argomento di vendita contribuisce a liberare spazio prezioso. Infatti, la tecnologia incorporata in Flygt Concertor ha consentito alla contea di risparmiare tempo e denaro, eliminando l’esigenza di aggiornamenti e controlli.
  • Il personale della contea era rimasto particolarmente impressionato dalla funzione di inversione automatica a prova di intasamento di Flygt Concertor. Infatti, conosceva già il metodo di ricerca dei guasti mediante inversione del funzionamento, in quanto spesso era costretto a impiegarlo per le pompe esistenti. Tuttavia, l’intelligenza incorporata nella funzione di inversione automatica di Concertor riduce drasticamente il costo nel ciclo di vita, in quanto il personale non deve più recarsi in loco e di conseguenza previene anche i rischi da alta tensione degli interventi di commutazione dei cavi dei motori per l’inversione di funzionamento.

Anche le guide obsolete sono state sostituite, a causa della corrosione estesa. Le nuove guide sono state fornite da Kennedy Industries e installate direttamente dal personale della contea. Inoltre, per il feedback da parte delle pompe è stata installata una Human Machine Interface (HMI), che per il personale della contea ha rappresentato una vera e propria novità in quanto le pompe precedenti della stazione di pompaggio numero 8 ne erano sprovviste. Altre funzionalità a valore aggiunto derivanti dall’acquisto di Flygt Concertor sono la possibilità di acquisire e monitorare i dati di esercizio delle pompe come consumo di corrente, tensione, velocità, eventuali guasti, numero di avviamenti, tempi di esercizio complessivi e giornalieri e consumo giornaliero in KWH, oltre alle indicazioni utili per la ricerca dei guasti.

Nessuna chiamata per la manutenzione e riduzione dei costi energetici

Le nuove pompe sono entrate in servizio nel marzo 2017, e i risultati sono impressionanti. Oltre al fatto che non hanno richiesto nemmeno una chiamata per la manutenzione, il design autopulente della girante N e la funzione automatica di inversione in caso di “soft clog” o intasamento di moderata entità hanno eliminato l’esigenza di sollevare e pulire le pompe settimanalmente, riducendo considerevolmente il rischio di lesioni sia per gli operatori che per il personale di manutenzione.

In questo progetto di rinnovo in particolare, l’eliminazione degli azionamenti a frequenza variabile ha consentito di ridurre significativamente sia i costi di installazione che quelli relativi alle attrezzature. Inoltre, la funzionalità Energy Minimizer dei comandi integrati nelle pompe ha ridotto considerevolmente i costi energetici operativi.

ISCRIVITI A MAKING WAVES

 

Nuova serie di articoli

In primo piano: le sfide presenti e future per le aziende pubbliche di servizi

Inizia a leggere

Abbonati alla nostra newsletter

Newsletter