Xylem Watermark e partner aiutano 3 milioni di persone

Dalla lotta alla fame nel mondo a quella ai cambiamenti climatici, l’acqua rivestirà un ruolo essenziale per conseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibili definiti dall’ONU per il 2030. Ecco come Xylem Watermark ed i propri partner si adoperano per aiutare le comunità di tutto il mondo a risolvere le proprie problematiche legate all’acqua.

Xylem Watermark è stato istituito nel 2008 come programma di cittadinanza d’impresa e investimento nel sociale di Xylem. Finora, Xylem Watermark ed i propri sei partner no profit hanno fornito soluzioni per la depurazione e la sanitizzazione dell’acqua a quasi 3 milioni di persone in 25 Paesi.

Ecco alcuni dei progetti importanti a cui hanno lavorato di recente Xylem Watermark ed i propri partner.

1. Soccorsi in caso di calamità naturali

Immediatamente dopo il terremoto che ha colpito il Nepal nel 2015, Xylem Watermark e l’associazione umanitaria Mercy Corps hanno donato provviste alimentari, acqua pulita, alloggi provvisori e fondi ad oltre 135.000 persone nell’area. Quest’anno, Watermark e Mercy Corps hanno fornito 2 milioni di litri di acqua potabile alle comunità locali che hanno sofferto della siccità nel Corno d’Africa, mentre attualmente stanno contribuendo alle forniture d’acqua per i rifugiati siriani e per le comunità giordane che li ospitano.

2. Lotta alle malattie trasmesse dall’acqua

In collaborazione con Planet Water Foundation, i volontari di Xylem Watermark hanno contribuito a finanziare e costruire numerose AquaTower presso scuole e comunità in India, Cambogia, Colombia e Filippine. Ogni AquaTower prevede un sistema di filtrazione dell’acqua in grado di soddisfare il fabbisogno giornaliero di acqua potabile di un migliaio di persone. Durante i lavori, i volontari organizzano lezioni divertenti ed interattive sui germi e sull’igiene per i bambini delle scuole. Questo programma di enorme successo ha contribuito a ridurre i casi di diarrea tra i partecipanti dell’80%, rispetto ad un aumento del 27% tra i non partecipanti.

3. Sanitizzazione e mentoraggio

Recentemente, i volontari ed i donatori di Xylem Watermark hanno collaborato anche con Water for People ad un progetto volto a portare acqua potabile e servizi igienici alle scuole di quartiere nel Bengala Occidentale, in India. Il progetto prevedeva anche un piano di educazione basato sul metodo “train-the-trainer” e volto a coinvolgere i leader locali affinché possano fungere da modelli di ruolo e mentori per quanto riguarda le problematiche legate ad acqua, sanitizzazione ed igiene (WASH). Insieme ad EarthEcho International, i volontari di Watermark stanno conducendo anche diversi progetti di monitoraggio dell’acqua nelle comunità locali per insegnare ai bambini l’importanza di preservare le risorse idriche locali.

4. WASH nel mondo

In Cina, Xylem Watermark ha collaborato con la China Women’s Development Foundation alla fornitura di sistemi di filtrazione dell’acqua e all’organizzazione di corsi di formazione WASH in tre istituti scolastici della città di Baoshan, e progetti simili sono stati attuati in collaborazione con il partner di Watermark Fundación Avina in Brasile.

5. Impegno dei dipendenti Xylem

Xylem Watermark incoraggia anche i dipendenti Xylem a partecipare a progetti di volontariato e raccolta fondi in tutto il mondo, naturalmente legati all’acqua. Uno di questi è stato Walks for Water, una camminata di 3 o 5 km di raccolta fondi per diversi progetti legati all’acqua. La camminata ha contribuito anche a sensibilizzare i partecipanti in merito al lungo viaggio che molte donne devono affrontare ogni giorno per andare a prendere l’acqua nelle aree più aride e remote.

Tramite il nuovo sito web interattivo dedicato all’impegno dei dipendenti, MyWatermark, ora i colleghi di Xylem possono effettuare le proprie donazioni o prestare volontariato per i progetti WASH in tutto il mondo. Finora, i dipendenti hanno raccolto ben 2,5 milioni di dollari, anche grazie a Xylem che ha deciso di raddoppiare le loro donazioni. Ai progetti di volontariato hanno partecipato più di 2.000 dipendenti, e le ore di volontariato sono aumentate del 330% rispetto all’anno scorso. L’obiettivo dell’azienda è 100.000 ore di volontariato da parte dei dipendenti nei prossimi 3 anni.

Nuova serie di articoli

In primo piano: le sfide presenti e future per le aziende pubbliche di servizi

Inizia a leggere

Abbonati alla nostra newsletter

Newsletter