Tecnologie di pompaggio Xylem per un nuovo quartiere ad alta efficienza energetica

Il quartiere di Nya Krokslätt di Göteborg (Svezia),  grazie a un centro interrato per lo stoccaggio dell’energia termica, può ora contare su una nuova soluzione ad alta efficienza energetica per il riscaldamento e il raffrescamento di tutti gli edifici.. Nonostante il numero di costruzioni nel nuovo quartiere aumenterà del 65%, l’obiettivo è ridurre la quantità di energia acquistata per l’area del 10%. Per la distribuzione di riscaldamento e raffreddamento dal centro di stoccaggio sono state scelte le pompe in linea Lowara e-LNE di Xylem.

Il nuovo quartiere, che sorgerà accanto all’area esistente di Krokslätts Fabriker, sarà costituito da abitazioni private, condomini, uffici, negozi e asili. Insieme, le due aree copriranno una superficie totale di 100.000 mq, 45.000 dei quali di nuove costruzioni nei prossimi 5 anni.

Riduzione della quantità di energia acquistata

Il responsabile del nuovo quartiere ad alta efficienza energetica di Nya Krokslätt è la società immobiliare Husvärden AB. L’obiettivo è che le nuove costruzioni, insieme a quelle esistenti di Krokslätts Fabriker,  possano soddisfare i propri obiettivi energetici futuri senza impattare sulla sostenibilità economica dell’area. Questo significa che, nonostante il numero di costruzioni aumenterà del 65%, l’energia acquistata dovrà diminuire del 10%. A tale scopo verranno realizzati nuovi pannelli solari fotovoltaici, verrà creato un impianto di riscaldamento comune per i nuovi edifici e quelli esistenti e verrà sfruttato il calore in eccesso da uffici e aziende per riscaldare le abitazioni dell’area.

Lo studio di consulenza tecnica Bengt Dahlgren AB ha collaborato al progetto con Husvärden AB per diversi anni.

“Fin dall’inizio abbiamo valutato diverse alternative su come riscaldare e raffrescare gli edifici nel modo più efficiente possibile”, spiega Jacob Pontusson, consulente per energia e ambiente in Bengt Dahlgren AB. “Le opzioni erano continuare con la tipologia attualmente in uso al quartiere di Krokslätts Fabriker, cioè un impianto di teleriscaldamento e impianti di raffrescamento locali nei diversi edifici, oppure investire in un impianto centralizzato e collegare gli edifici esistenti al nuovo impianto. Abbiamo calcolato gli effetti di entrambe le soluzioni e concluso che un impianto centralizzato avrebbe rappresentato la migliore opzione possibile sia dal punto di vista ambientale che economico. Infatti, il maggiore vantaggio di un impianto centralizzato è la possibilità di sfruttare il calore in eccesso per l’area anziché lasciare che si disperda”.

Stoccaggio del calore in eccesso

Pumps_above

La soluzione è consistita in un nuovo centro interrato per lo stoccaggio dell’energia termica per il riscaldamento e il raffrescamento di tutta l’area. Il centro è stato costruito nel nuovo parcheggio interrato del quartiere. In pratica, sotto il garage sono stati realizzati 80 pozzi per lo stoccaggio del calore. Altri 40 verranno realizzati in futuro e in questo modo diventerà uno dei maggiori impianti di questo tipo in Svezia. I pozzi verranno utilizzati per stoccare l’energia in eccesso dagli edifici in estate, che verrà quindi sfruttata per il riscaldamento degli edifici in inverno. L’azienda responsabile di tutti i lavori di installazione delle pompe e di collegamento delle condutture è Installationsbolaget AB.

“Si tratta di un impianto estremamente complesso”, afferma Dennis Juhlin, responsabile di progetto in Installationsbolaget AB. “Infatti, lo spazio nel centro di stoccaggio era piuttosto limitato e dovevano essere installate numerose pompe, condutture e cisterne. Per questo motivo era fondamentale progettare e pianificare con cura i lavori, assemblare e installare tutto nell’ordine giusto. Per la scelta delle pompe necessarie per il centro, abbiamo richiesto un’offerta e contattato diversi fornitori. Dopo una valutazione accurata del costo nel ciclo di vita, le pompe Xylem si sono dimostrate la soluzione migliore e più efficiente possibile dal punto di vista energetico”.

Pompe di ricircolo ad alta efficienza energetica

L’account manager in Xylem è Niklas Meyer, mentre il direttore tecnico è Emil Wallander.

“Abbiamo deciso di utilizzare la nostra nuova linea di pompe di ricircolo ad alta efficienza energetica, cioè le pompe in linea Lowara e-LNE”, afferma Meyer. “Si tratta di una serie di pompe relativamente nuove e conformi alle normative più rigorose in materia di energia entrate in vigore nel 2015. Grazie alla nostra soluzione di pompaggio, il quartiere di Nya Krokslätt dovrebbe risparmiare circa 175.000 kWh all’anno”.

Pumps_upclose

Il progetto prevede il ricircolo di grandi quantità d’acqua e per questo nel centro di stoccaggio  sono state installate in totale 19 pompe Lowara. La maggior parte delle pompe è impiegata per distribuire il riscaldamento e il raffrescamento a tutti gli edifici dell’area, mentre 3 pompe sono destinate al trasferimento del calore in eccesso nei pozzi di raccolta.

“In precedenza, il quartiere di Krokslätts Fabriker era servito da un impianto di teleriscaldamento comune e diversi impianti di raffrescamento locali”, spiega Jacob Pontusson. “In questo modo il calore in eccesso dalle abitazioni andava disperso, mentre ora grazie al nuovo centro interrato per lo stoccaggio dell’energia termica può essere trasferito e sfruttato in tutto il quartiere. Tre grandi macchine di raffreddamento fungono da pompe di calore in grado di provvedere sia al raffrescamento che al riscaldamento. Inoltre sono previste delle grandi cisterne per stoccare il calore in eccesso prodotto durante il giorno, mentre i pozzi vengono utilizzati per lo stoccaggio del calore per periodi prolungati”.

Un’installazione di successo

L’installazione è iniziata  lo scorso autunno e ora l’impianto funziona già a pieno regime.

Pumps_guys

“È stato un progetto molto interessante, e la sfida più complessa è consistita nell’installare tutte le attrezzature necessarie in uno spazio estremamente limitato”, afferma Pontusson. “Ma c’è ancora molto lavoro da fare, in quanto il progetto prevede un totale di 120 pozzi”.

“Il nostro staff ha svolto un ottimo lavoro ed è riuscito a installare numerose attrezzature una accanto all’altra”, aggiunge Dennis Juhlin. “Tutto è andato secondo i piani e siamo riusciti a rispettare i tempi previsti. Colgo l’occasione anche per sottolineare l’ottima collaborazione con Xylem, che ci fornito un grande supporto sia telefonicamente  che in loco”.

Nuova serie di articoli

In primo piano: Tecnologie e gestione intelligenti delle risorse idriche

Inizia a leggere

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER